photo Reza Khatir
copyright by Tiziana Arnaboldi
video
Spazio all’architettura design “La sedia, il sedersi” con Riccardo Blumer Sei danzatori in dialogo con l’architettura, il design, e la filosofia Coreografia e regia Tiziana Arnaboldi Danzatori Faustino Blanchut, Francesco Colaleo, Maxime Freixas, Claudia Rossi Valli, Francesca Ugolini e Selina Thuring Musica e suoni Mauro Casappa Produzione Teatro San Materno Note coreografiche e di regia I danzatori insieme all’architetto designer Riccardo Blumer invadono uno spazio per raccontare, attraverso delle “mise en scène” dal titolo “La sedia‐il sedersi”, il rapporto che si crea tra l`uomo e l`oggetto sedia del suo quotidiano. Stuzzicare il pubblico a comprendere il principio secondo il quale sono gli oggetti che aiutano l`uomo e la sua anima a crescere. È la sedia oggetto per il corpo oppure il contrario? Sulla scena si crea un continuo, ambiguo dialogo tra oggetto e soggetto, dal momento che pare siano proprio gli oggetti, prima e più ancora dell`uomo, i principali artefici dei processi cognitivi e dei desideri. La sedia come metafora di un personale concetto di architettura, al confine tra scienza e filosofia, si focalizza in vari modelli ideati e costruiti dallo stesso Blumer, le cui particolarità stanno nelle diverse conformazioni delle gambe, e di conseguenza dei loro appoggi al suolo, del tutto inusuali ma in ogni caso sufficienti per ottenere un equilibrio. Qui si concentra la maggior parte delle intenzioni legate al lavoro coreografico: dare origine ad una continua sfida tra equilibrio e disequilibrio, tesa con sforzo incessante ad assottigliare sempre di più la linea di confine che li separa. Se oggetto‐soggetto perdono i rispettivi ruoli, perdendo la loro connotazione, entrambi si smarriscono con il risultato di aprire uno spazio immaginario e fantastico fatto di stupore e imprevisti. Foto Reza Khatir Disegno sonoro Suoni mobili e puntiformi accompagnano le parole di Riccardo Blumer, mentre un sistema di trasduttori di vibrazione amplifica il palcoscenico e alcune sedie. I danzatori creano, modificano e controllano buona parte del disegno sonoro. Video Edoardo Oppliger
website made by Edoardo Oppliger
copyright by Tiziana Arnaboldi
Spazio all’architettura design “La sedia, il sedersi” con Riccardo Blumer Sei danzatori in dialogo con l’architettura, il design, e la filosofia Coreografia e regia Tiziana Arnaboldi Danzatori Faustino Blanchut, Francesco Colaleo, Maxime Freixas, Claudia Rossi Valli, Francesca Ugolini e Selina Thuring Musica e suoni Mauro Casappa Produzione Teatro San Materno Note coreografiche e di regia I danzatori insieme all’architetto designer Riccardo Blumer invadono uno spazio per raccontare,attraverso delle “mise en scène” dal titolo “La sedia‐il sedersi”, il rapporto che si crea tra l`uomo e l`oggetto sedia del suo quotidiano. Stuzzicare il pubblico a comprendere il prin- cipio secondo il quale sono gli oggetti che aiutano l`uomo e la sua anima a crescere. È la sedia oggetto per il corpo oppure il contrario? Sulla scena si crea un continuo, ambiguo dialogo tra oggetto e sog- getto, dal momento che pare siano proprio gli oggetti, prima e più ancora dell`uomo, i principali artefici dei processi cognitivi e dei desideri. La sedia come metafora di un personale concetto di archi- tettura, al confine tra scienza e filosofia, si focalizza in vari modelli ideati e costruiti dallo stesso Blumer, le cui particolarità stanno nelle diverse conformazioni delle gambe, e di conseguenza dei loro ap- poggi al suolo, del tutto inusuali ma in ogni caso sufficienti per otte- nere un equilibrio. Qui si concentra la maggior parte delle intenzioni legate al lavoro coreografico: dare origine ad una continua sfida tra equilibrio e disequilibrio, tesa con sforzo incessante ad assottigliare sempre di più la linea di confine che li separa. Se oggetto‐soggetto perdono i rispettivi ruoli, perdendo la loro con- notazione, entrambi si smarriscono con il risultato di aprire uno spazio immaginario e fantastico fatto di stupore e imprevisti. Foto Reza Khatir Disegno sonoro Suoni mobili e puntiformi accompagnano le parole di Riccardo Blumer, mentre un sistema di trasduttori di vibrazione amplifica il palcoscenico e alcune sedie. I danzatori creano, modificano e controllano buona parte del disegno sonoro. Video Edoardo Oppliger
video
photo Reza Khatir
I   EN